sabato 21 aprile 2018

Recensione a "Assoluzione" di Sloane Kennedy



Data d'uscita: 28 Febbraio 2017
Pagine: 270
Prezzo: eBook 4,71 - cartaceo 13,28

Link d'acquisto





Dopo quattro anni all'estero, l'artista Jonas Davenport è tornato a casa per iniziare a costruire il suo sogno di un proprio studio d'arte e di una galleria d’esposizione. Ma non appena è pronto a gettarsi per sempre alle spalle l'oscurità del suo passato, quella ritorna rombando con una vendetta.

L'unica cosa che trattiene l'ex poliziotto Mace Calhoun dall'infilarsi la pistola in bocca, dopo una perdita impensabile, è il suo ruolo in un'associazione clandestina che cerca di ottenere giustizia per gli innocenti, togliendo le vite ai colpevoli. Mettere fine alla vita del giovane artista che ha commesso crimini innominabili contro le vittime più vulnerabili, dovrebbe essere la cosa più semplice del mondo. Allora, perché non riesce a convincersi a premere quel grilletto?

Dopo anni a combattere in una guerra senza fine, che gli ha risucchiato l'anima, il Navy SEAL Cole Bridgerton è tornato a casa per affrontare un'altra battaglia: gestire la scoperta che la sorella minore, scappata da casa otto anni prima, è persa per sempre. Ha bisogno di risposte e l'unica persona che può dargliele è un giovane uomo che cerca a fatica di ricomporre la propria esistenza. Ma non si sarebbe mai aspettato di provare qualcosa di più per il tormentato artista.

Cole e Mace. Uno vive secondo le regole comuni, l'altro si crea le proprie. Uno cerca giustizia attraverso la legge, l'altro con la propria pistola. Due uomini, uno la luce, uno l’oscurità, ritroveranno se stessi e si scopriranno l'un l'altro, una volta che saranno costretti a rimanere fianco a fianco per proteggere Jonas da un male invisibile, che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio per sempre il giovane artista.

Ma le cicatrici di ognuno sono profonde, e persino la forza di tutti e tre assieme potrebbe non essere sufficiente a salvarli...






Buongiorno magnetiche.
Oggi vi parlerò di un romanzo che mi ha sconvolta: Assoluzione ( The protectors libro 1) di Sloane Kennedy.
 Ho temporeggiato a scrivere questa recensione, ho letto altri libri, ho aspettato che la storia mi scivolasse addosso come acqua. Non è stato semplice, ma sono qui.

Parto con il dirvi che questo non è un libro per tutti, sia per la scelta del ménage, che per la trama forte e dolorosa. I personaggi, a loro modo, hanno tutti sofferto e ne stanno ancora portando sulle spalle il peso. Jonas, Mace, Cole, sono tre protagonisti con caratteri completamente differenti.
Jonas, l'artista accusato di pedofilia, è un ragazzo distrutto, con un'anima squarciata dalla vita e dal passato. Prostituzione e abbandono, pesano come una spada di Damocle sulla sua testa.
Mace, invece, è il Killer incaricato di uccidere Jonas. Anche lui a modo suo ha sofferto e si porta con sé, ad ogni passo come un'ombra, la colpa di cui si autoaccusa.
Cole è un ex Marine con alle spalle una sorella uccisa e un padre alcolizzato.

L'incontro tra i tre uomini sarà fuoco, sentimenti inaspettati e paure, ma l'attrazione che provano è troppo forte per essere sopita.

“Vederli sdraiati insieme, però, mi aveva smosso qualcosa. Era stata la stessa sensazione che avevo provato vedendo Jonas abbracciare Cole nello studio, il giorno dopo che si erano conosciuti... guardavo dal di fuori qualcosa di cui avrei voluto fare parte. Realizzai con sorpresa che volevo entrambi.”

Con lo svolgersi degli eventi la trama si fa più intricata e piena di colpi di scena, con sparatorie, inseguimenti e lo svelarsi di segreti e retroscena che tengono il lettore incollato al libro.
La scrittrice è stata brava nel descrivere in modo semplice e velato (in forma di racconto), anche le tematiche più ostiche.




 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...