giovedì 5 luglio 2018

Recensione a "White Lies" di Isabel Del Greco




Genere: Erotic/Romance
Editore: Eros Cultura
Data d'uscita: 20 Aprile 2018
Prezzo: eBook 3,99

Link d'acquisto





Annalisa è una studentessa-modello, con una famiglia perfetta, un fidanzato perfetto, una vita perfetta. Ha solo un problema: vuole di più. L’incontro con la misteriosa Rouge, avvenuto in un locale alla moda della movida milanese, le dischiude all’improvviso nuovi e desiderabili orizzonti di trasgressione e avventure erotiche. Annalisa scopre in se stessa voglie e appetiti inaspettati, che la inducono a stravolgere la propria vita dalle fondamenta. Zittire la propria ragione, abbandonandosi all’istinto, le pare a un tratto l’unica scelta possibile. Guidata dalla torbida presenza di un insospettabile amico di famiglia, Annalisa scopre così che il sesso va ben oltre i baci rispettosi e le mani ben educate del suo fidanzato. Le ragazze di buona famiglia, però, non fanno certe cose, restano sui binari che sono stati tracciati per loro e, soprattutto, dicono sempre la verità. Per afferrare la vita che desidera e raggiungere inattese, elevate vette di perversione, Annalisa deve infrangere tutte queste regole, e imparare la sofisticata arte della menzogna. In fondo, sono solo White Lies, bianche, innocenti bugie. O no? ADATTO A UN PUBBLICO ADULTO






 Annalisa è una ragazza alla soglia della laurea, vive in un mondo fatto di sicurezze noiose, con una vita che scorre su binari dritti: una vita agiata, un fidanzato figlio di amici di famiglia, una migliore amica, un futuro privo di sorprese.
Quando la sua vita si incrocia con quella di Rouge (se non sapete chi è Rouge dovete assolutamente rimediare e leggere il primo libro di Isabel) una sera in un locale, qualcosa si scatena in lei, una voglia di sperimentare la propria sessualità e di sperimentare i limiti imposti dall’educazione ricevuta e dalla morale imposta. Da questo singolo evento la storia di Annalisa si evolve trascinandola in una visione diversa di se stessa nel mondo. Il primo ad accorgersene veramente è Luciano, l’amico di famiglia padre del fidanzato di lei (Andrea), che la osserva e la provoca in continuazione, stando bene attento a non farsi cogliere sul fatto dai propri amici.
Nel libro è lei stessa a raccontare la storia che la porta a sbocciare come donna consapevole di sé e della propria sessualità in un crescendo di trasgressione, una sorta di continua rottura di barriere sempre più ardue da superare: un nerd dei giochi la definirebbe una acquisizione di punti esperienza, un romantico la trasformazione di un bruco in farfalla…
È un libro che mi sento di consigliare a chi vuole un primo approccio con il genere, ci sono molti riferimenti al precedente libro che non inficiano la scorrevolezza se non si è letto, si potrebbe tranquillamente procedere al contrario ed apprezzarli entrambi.
Gli uomini presenti nella storia sono di diversi tipi:
Andrea: il ragazzo storico, è un noioso accessorio della protagonista, ma solo finché lei si comporta da ragazzina viziata e prevedibile, nella sua evoluzione verrà coinvolto anche lui.
Schizzo: il ragazzo con cui esce per rompere quegli schemi che la costringono alla sua solita vita.
Luciano: l’uomo adulto che la apre a nuovi orizzonti e all’esplorazione del piacere e dei limiti da superare.
Fra i tre personaggi ho apprezzato l’audacia di Luciano e la metamorfosi di Andrea; mi ha lasciata indifferente il passaggio di Schizzo, tra i tre quello che ha meno peso nell’evoluzione della storia, anche se ne dà il via.
Un applauso, di nuovo, alla scrittrice che riesce a portare il lettore nella mente della protagonista durante la metamorfosi e nell’elaborazione delle sue bugie bianche, facendolo partecipe di quello che passa nella mente di una brava ragazza che si scopre completamente diversa, da come ha sempre creduto di essere, di fronte all’esplorazione della sessualità.





Nessun commento:

Posta un commento